24Marzo.it
24marzo Onlus
Chi siamo
Statuto
Attività 2017
Attività 2016
Attività 2015
Attività 2014
Attività 2013
Attività 2012
Attività 2011


Processi in corso
Processo CONDOR
Vittime, avvocati e imputati
Preliminari CONDOR
Processo MALATTO

Processi 1999-2011
Processo PODLECH
Processo MASSERA
Preliminari MASSERA
Comitato MASSERA
Cassazione ESMA
Appello ESMA
Processo ESMA
Processo RIVEROS
Padre TEDESCHI

Con "Abuelas de Plaza de Mayo"
Uffici, telefoni, indirizzi
Promotori ed aderenti
Film "La vida de Estela"

Arte e Memoria
"IDENTIDAD DESAPARECIDA"
"AUSENCIAS"
"DISEGNI SUI GIORNALI"
"AYOTZINAPA"

24marzo Edizioni
"ESTELA", biografia di E.Carlotto
"Note a margine..."
"I ragazzi dell'esilio"
"Una voce argentina..."
"Buscando a Manuel"
"Il silenzio sopra le parole"
Catalogo
E-book
Distribuzione
"Vite senza corpi"


Log In
Username

Password





Salvatore Privitera

Nato a Grammichele, in provincia di Catania, Salvatore Privitera cresce in Argentina, nella città di Mendoza, dove la famiglia era emigrata quando aveva appena sette anni. Completa i propri studi nella città di Cordoba, dove si laurea in medicina e intraprende la professione di medico anestesista nell’ospedale Rawson di Cordoba. Animato da una particolare attenzione nei confronti della società e dei meno abbienti, presta la propria opera gratuitamente in un centro ambulatoriale familiare.

L’attività di medico lo porta a contatto con le carenze strutturali delle istituzioni sanitarie, che denuncerà costantemente nell’ambito della sua attività sindacale.

Nel 1973 è prelevato dall’ospedale nel quale lavora, insieme alla moglie, anch’essa medico, e arrestato con l’accusa di aver preso parte ad un’azione armata ai danni della caserma di Belville, avvenuta qualche mese prima.

Processato e prosciolto dall’accusa, resta, tuttavia, in carcere fino al 1979, quando, grazie soprattutto all’attività di sensibilizzazione condotta dal fratello Paolo in Italia, e alle pressioni del governo italiano, viene scarcerato ed espulso dallo stato.

Raggiunta l’Italia, Salvatore non perde di vista quella che è oramai la priorità ideale della sua vita: rientrare in Argentina e contribuire a combattere la dittatura. Riesce a stabilire i contatti con un gruppo di altri esiliati politici che si trova a Roma e da lì riorganizza il proprio rientro in Argentina, che avviene presumibilmente nel settembre del 1980, attraverso la Bolivia o il Paraguay.

Una telefonata, da parte probabilmente di una compagna, avverte la famiglia che Salvatore è stato catturato nuovamente.

Da allora, di lui si perde ogni traccia, nonostante le svariate iniziative intraprese dalla famiglia nella speranza di ritrovarlo in vita.



 Versione stampabile


Diritti umani in Argentina
Organismi storici
- Madres
- Abuelas
- Familiares
- M.E.D.H.
- C.E.L.S.
- A.P.D.H.
- Liga
- Serpaj


Processo Mastinu in Argentina

Cerca