24Marzo.it
24marzo Onlus
Chi siamo
Statuto
Attività 2022
Attività 2021
Attività 2020
Attività 2019
Attività 2018
Attività 2017
Attività 2016
Attività 2015
Attività 2014
Attività 2013
Attività 2012
Attività 2011


Processi 2012-2021
Sentenza Cassazione CONDOR
Sentenza Appello CONDOR
Sentenza CONDOR
Appello CONDOR
Processo CONDOR
Vittime, avvocati e imputati
Preliminari CONDOR
Estradizione KLUG

Processi 1999-2011
Processo PODLECH
Processo MASSERA
Preliminari MASSERA
Comitato MASSERA
Cassazione ESMA
Appello ESMA
Processo ESMA
Processo RIVEROS
Padre TEDESCHI

Processi in corso
Processo TROCCOLI
Processo MALATTO


Log In
Username

Password





Parti processuali MASSERA
Vittime

Il processo ora in sede di Udienza preliminare venne aperto dalla denuncia presentata il 9.6.1999, dalla signora Inocencia Luca, vedova dell’imprenditore veneto Giovanni Pegoraro e madre di Susana Pegoraro, entrambi desaparecidos e visti ancora in vita l’ultima volta nel CCD ESMA da numerosi testimoni.

La denuncia riguardava anche il caso della signora Angelamaria Aieta Gullo, madre del dirigente della Juventud Peronista Juan Carlos Dante Gullo, anche lei vista all’ESMA.

Imputato

L’Ammiraglio Emilio Massera, capo della Marina Militare e creatore dell’ESMA, nato a Paranà (prov. di Entre Rios) il 19/10/1925.


Giudice per le Indagini Preliminari

Il G.U.P. è il Dott. Marco Mancinetti.

L'accusa

La Pubblica accusa è sostenuta dal Pubblico Ministero Dott. Francesco Caporale.

Per Angelamaria Aieta si sono costituiti parte civile il figlio, Juan Carlos Dante Gullo, e i nipoti Juan Ernesto Gullo, Carlos Nicolas Gullo ed Emiliano Demian Gullo.

Per Giovanni e Susana Pegoraro si è costituita parte civile Inocencia Luca, vedova Pegoraro.

Le parti civili sono difese dagli avvocati Giancarlo Maniga e Marcello Gentili, che si avvalgono della consulenza del Dott. Jorge Ithurburu e dell'Avv. Erica Dumontel.

L'avvocato dell Stato Giovanni Pietro de Figueiredo, difende la Presidenza del Consiglio dei Ministri, anch'essa costituitasi parte civile.

La difesa

Emilio Massera è difeso d’ufficio dall’avv. Luciana Inga Canonaco.


Reati contestati

L'imputato è accusato dei reati pp. e pp. dagli artt. 110, 81 cpv., 575 e 577 nn. 3)e 4) in relazione all’art. 61 n. 4) c.p. "per avere, agendo di concerto ed in concorso con altre persone..., con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, ... cagionato la morte, dopo averne disposto od operato il sequestro, e dopo averli sottoposti a tortura, di Angelamaria Aieta e di Giovanni e Susanna Pegoraro."

Con le aggravanti di aver commesso i fatti con premeditazione, ed adoperando sevizie ed agendo con crudeltà verso le persone.



 Versione stampabile


Diritti umani in Argentina
Organismi storici
- Madres
- Abuelas
- Familiares
- M.E.D.H.
- C.E.L.S.
- A.P.D.H.
- Liga
- Serpaj


Processo Mastinu in Argentina

Cerca