24Marzo.it
24marzo Onlus
Chi siamo
Statuto
Attività 2018
Attività 2017
Attività 2016
Attività 2015
Attività 2014
Attività 2013
Attività 2012
Attività 2011


Processi in corso
Appello CONDOR
Sentenza CONDOR
Processo CONDOR
Vittime, avvocati e imputati
Preliminari CONDOR
Processo MALATTO

Processi 1999-2011
Processo PODLECH
Processo MASSERA
Preliminari MASSERA
Comitato MASSERA
Cassazione ESMA
Appello ESMA
Processo ESMA
Processo RIVEROS
Padre TEDESCHI

Con "Abuelas de Plaza de Mayo"
Uffici, telefoni, indirizzi
Promotori ed aderenti
Film "La vida de Estela"

Arte e Memoria
"IDENTIDAD DESAPARECIDA"
"AUSENCIAS"
"DISEGNI SUI GIORNALI"
"AYOTZINAPA"

24marzo Edizioni
"ESTELA", biografia di E.Carlotto
"Note a margine..."
"I ragazzi dell'esilio"
"Una voce argentina..."
"Buscando a Manuel"
"Il silenzio sopra le parole"
Catalogo
E-book
Distribuzione
"Vite senza corpi"


Log In
Username

Password





Mascaró

Mascarò
Mascaró è uno spettacolo che non si dimentica: intimamente politico, semplicemente diretto. Parla dell’Argentina: ci sono i sanguinari "conquistadores" e le migrazioni di massa , ma soprattutto gli anni della dittatura militare.

La storia è quella di Haroldo Conti, scrittore scomparso, torturato e ucciso dalla polizia Argentina.

La scena è la piazza, sono i giardini, le strade e i gradini che ospitano la gente e gli spettatori, e il teatro nucleo riesce nel suo intento di un dialogo continuo con il pubblico, rimanendo sempre alla pari con noi.

Gli oggetti sono pochi: le sedie di legno della rivolta dei giovani contro le immaginarie autorità militari.

I costumi ci affascinano e ci parlano: lussosi, ridondanti e vuoti quelli dei "conquistadores", semplici e pieni di energia quelli dei giovani ribelli, inquieti nei pattini qelli dei migranti.

Lo spettacolo poi si carica con le scene e con le allegorie, le immagini che rimangono sono piene di emozioni, di luci e di energia.
Si apre con i giganti occidentali spaventosi, e con gli emigranti che sono sui pattini a rotelle e girovagano senza meta.

Nonostante la fine possa essere interpretata come la fine delle speranze cioè un rogo che brucia una casa e i libri con lei, e che lascia la scena con qualche resto di fogli bruciacchiati, lo spettacolo ci lascia un senso di risveglio e di carica.

Sarà la già citata scena della ribellione in cui i giovani a volto coperto, arrabbiati e appassionati delle loro idee ci catturano coi movimenti veloci, coi cambi di posto, le sparizioni, e i voli delle sedie, saranno le musiche e le danze o ancora questa coinvolgente idea dei pattini a rotelle, lo spettacolo stimola la fantasia, fa pensare al futuro e al passato, ci invoglia a mettere olio all’ingranaggio della memoria per non dimenticare e per continuare a lottare con energia e speranza.

Messa in scena e Musiche: Cora Herrendorf
Drammaturgia: Cora Herrendorf e Horacio Czertok
Scenografia e Costumi: Teatro Nucleo
Attrici/Attori: Teatro Nucleo

E.S.P


 Versione stampabile


Diritti umani in Argentina
Organismi storici
- Madres
- Abuelas
- Familiares
- M.E.D.H.
- C.E.L.S.
- A.P.D.H.
- Liga
- Serpaj


Processo Mastinu in Argentina

Cerca