24Marzo.it
24marzo Onlus
Chi siamo
Statuto
Attività 2016
Attività 2015
Attività 2014
Attività 2013
Attività 2012
Attività 2011


Processi in corso
Processo CONDOR
Vittime, avvocati e imputati
Preliminari CONDOR
Processo MALATTO

Processi 1999-2011
Processo PODLECH
Processo MASSERA
Preliminari MASSERA
Comitato MASSERA
Cassazione ESMA
Appello ESMA
Processo ESMA
Processo RIVEROS
Padre TEDESCHI

Con "Abuelas de Plaza de Mayo"
Uffici, telefoni, indirizzi
Promotori ed aderenti
Film "La vida de Estela"

Arte e Memoria
"IDENTIDAD DESAPARECIDA"
"AUSENCIAS"
"DISEGNI SUI GIORNALI"
"AYOTZINAPA"

24marzo Edizioni
"ESTELA", biografia di E.Carlotto
"Note a margine..."
"I ragazzi dell'esilio"
"Una voce argentina..."
"Buscando a Manuel"
"Il silenzio sopra le parole"
Catalogo
E-book
Distribuzione
"Vite senza corpi"


Log In
Username

Password





Vera Vigevani Jarach
Nota biografica
Vera Vigevani Jarach
Vera Vigevani è nata a Milano nel 1928 e dieci anni più tardi dovette emigrare in Argentina perché le leggi razziali le impedivano di andare a scuola e di avere una vita normale. In Argentina sposò Giorgio Jarach e lavorò fino alla pensione come giormnalista all'ANSA di Buenos Aires.

Sua figlia Franca scomparve a diciott'anni il 26 giugno 1976 e di lei non si seppe più nulla fino a poco tempo fa, quando una donna che era sopravvissuta al campo di concentramento dell’ESMA le ha raccontato tutto: “Ho aspettato per un anno che mi parlasse - ha detto la scrittrice - perché non voleva ricordare, aveva visto cose terribili e voleva rimuovere tutto. Le ho chiesto se avevano torturata mia figlia ma non mi ha risposto. La detenzione di Franca durò pochissimo. A un mese dal suo arresto lei e molti altri vennero eliminati per far posto a coloro che sarebbero arrivati. Nel mio caso non c’è alcuna speranza di ritrovare neanche il suo corpo, mia figlia è stata buttata giù da un aereo, buttata a mare”.

A Vera Vigevani, che appartiene al movimento dele Madres de Plaza de Mayo fin dai primi mesi della sua fondazione, piace definirsi “una militante della memoria”, ciò che le ha permesso di continuare a vivere è stata la caparbietà nel raccontare la sua storia.

Vera ha più volte spiegato che, continuando a portare la sua testimonianza, lotta per la creazione di una memoria condivisa, affinché nessuno dimentichi e certe cose non si possano più ripetere.

La poesia della figlia Franca
Franca Jarach
Lugar di Franca Jarach

A la mañana paso
cerca de un sitio rodeado de muros
altos grices tristes sucios
de carteles, de vote lista azul
un día miro adentro
es una villa miseria.
Gente
más gente.
Vestida de tela barata
desnuda de felicidad.
Una chica me ofrece limones
"cien la docena, compremé".
Tiene trece años, más o menos
mi edad.
Un almacén ruinoso,
con ratas, con suciedad
con microbios funestos.
Es un sitio rodeado de muros
sucios de crímines humanos
que son sólo nuestros.

Il silenzio infranto; il dramma dei desaparecidos italiani in Argentina
Silenziodi Vera Vigevani e Carla Tallone
Silvio Zamorani Editore, Torino 2005

Nella prefazione Ernesto Sabato definisce il libro come un importante contributo al tentativo di far luce sul destino toccato a migliaia di cittadini, un libro che permette di avvicinarsi alla verità, un libro che testimonia quella militanza della memoria che è capace di spingere la sua lotta aldilà dei confini della Giustizia.

Le autrici partono dal presupposto che in questi anni si sia parlato, a riguardo dei tristi eventi accaduti in Argentina durante l’ultima dittatura militare, molto dei carnefici e pochissimo delle vittime. La raccolta di testimonianze dei loro familiari e dei sopravvissuti alla repressione è il tentativo di portare al di fuori della sofferenza personale dei protagonisti queste vicende e rendere così il ricordo un’arma di battaglia per il presente. Rendere quelle vite spezzate utili agli altri, insieme ai loro ideali, alle loro passioni, tentare di riscattarli come persone, per le loro vite.

Oltre alle testimonianze di familiari e desaparecidos italiani e italo-argentini vi sono quelle di sopravvissuti alle carceri, capaci di raccontare meglio di qualsiasi altro e di proporre un’analisi dell’accaduto che allora non si poteva fare. Molte delle loro intuizioni dell’epoca sulla società argentina si sono rivelate corrette e già questo costituisce parte dell’omaggio alla memoria dei desaparecidos.
Per quanto riguarda le ricostruzioni storiche hanno collaborato tre giornalisti italiani che lavorano da anni in Argentina: Livio Zanotti, Riccardo Benozzo e Maurizio Salvi.

Nella sezione “Ricordi e memorie” vi è il racconto di Enzo Giustizi, sacerdote italiano che collaborò con gli organismi di difesa dei Diritti Umani e che operò coraggiosamente per tentare di salvare molti prigionieri. La testimonianza di due giovani registi, Marco Bechis e Daniele Incalcaterra, che hanno tradotto sullo schermo le loro esperienze argentine di quegli anni. Bechis è un sopravvissuto alla repressione e l’altro ha seguito con una figlia di desaparecidos ed un gruppo di antropologi le indagini per rintracciare i corpi sepolti come NN e la loro successiva identificazione, analizzando la necessità umana di chiudere una storia di vita con una tomba ed un lutto.

Per quanto riguarda l’operato della diplomazia italiana dell’epoca viene intervistato Bernardino Osio, Primo Consigliere della nostra Ambasciata di Buenos Aires, che ebbe contatti diretti con alcuni familiari che cercavano parenti scomparsi e si adoperò per rintracciarli. Si aggiunge il racconto di Filippo di Benedetto, dirigente sindacale italiano residente in Argentina, che lavorò a stretta relazione con il Console Calamai ed infine la riflessione dell’allenatore di pallavolo Julio Velasco che visse quel periodo e grazie ai suoi studi filosofici si lancia in una riflessione mirata a trarre dal passato gli insegnamenti utili per il presente.


L'editore
Silvio Zamorani Edotitore

SILVIO ZAMORANI EDITORE

CORSO SAN MAURIZIO, 25
10124 TORINO - ITALIA
TEL. 39 011 8125700
FAX 39 011 8126144
E-MAIL info@zamorani.com
WEB http://www.zamorani.com/


L'altro libro

Titolo: Tante voci, una storia. Italiani ebrei in Argentina (1938-1948)
Autori: Eleonora Smolensky, Vera Vigevani Jarach
Editore:Il Mulino - Data di Pubblicazione: 1998
Collana: I.I.L.A. - ISBN: 8815065709 - Pagine: 472

La deposizione a Rebibbia

Vera Vigevani ha deposto il 9 novembre 2006 nel processo ESMA che portò alla condanna di Jorge Acosta, Alfredo Astiz, Jorge Vildoza, Antonio Vanek ed Héctor Febres.
PDF >>>

Audio >>>

Il documentario
Vera Vigevani Jarach


TANOS:
storie di italiani sequestrati all’ESMA


di DANIELE CINI

scritto in collaborazione con
Osvaldo Alzari

Documentario in 2 puntate sul processo celebrato a Roma
per alcuni desaparecidos italiani scomparsi in Argentina
durante il periodo della dittatura, nel centro clandestino
della Escuela de Mecanica de la Armada (ESMA)


Gemellaggio Buenos Aires - Roma

Buena Memoria de Marcelo B.Le ragazze dell'ITT Colombo di Roma sono in visita in Argentina dal 22/10/09 al 5/11/09. Nel mese di novembre 2009, invece, una delegazione di studenti del "Colegio Nacional de Buenos Aires" visiterà le città di Torino, Ferrara e Roma.

Si tratta della scuola ritratta nella mostra Buena Memoria di Marcelo Brodsky, scuola che ha avuto più di cento ex studenti desaparecidos. Questi scambi vengono promossi da Vera Vigevani, madre di una delle studentesse desaparecidas del Nacional Buenos Aires.
>>>


Página 12 - 8.3.2013
Vera Vigevani Jarach
Vera Jarach, mamá de Franca, desaparecida de la ESMA, declaró en el Megajuicio
“A LA JUSTICIA LE PEDIMOS JUSTICIA”

Les habló a los jueces de su hija, para “que la conozcan, que sepan quién fue, cómo fue esta muchacha maravillosa, alegre, pero también muy pensativa”. Aportó una grabación con un llamado que Franca hizo desde la ESMA.

El pelo blanco, los ojos chiquitos, la voz de roble. En un momento, Vera Jarach buscó casi a tientas algunas caras en la sala: “No veo si están los acusados, pero con los ojos de mi alma sí los veo –les dijo–. Y si están, les pido a ellos que rompan ese tan cruel pacto de silencio alguna vez, que nos digan qué pasó con todos y cada uno de nuestros hijos, y a la Justicia, a la Justicia, le pedimos justicia”.

Frente suyo una hilera de Madres llenó la sala de Comodoro Py con sus pañuelos. Vera fue a declarar a la segunda audiencia de testigos de este juicio por los crímenes de la Escuela Mecánica de la Armada para hablar de su hija. A Franca la secuestraron el 25 de junio de 1976, en la esquina de un bar del centro de Buenos Aires; había sido abanderada del Nacional Buenos Aires, delegada por el centro de estudiantes e integrante de la UES.

“Nosotros también tuvimos un calvario, un muro de silencio, pero antes de eso quiero enfrentarlos con Franca”, dijo al tribunal y también a la sala. “Que la conozcan, que sepan quién fue, cómo fue esta muchacha maravillosa. Amada y admirada por muchos, dejó mucho y eso es una herencia también. Alegre, pero también muy pensativa. Defendía lo justo y cuanta causa hubiera. Era muy, muy generosa y atenta a todo, apasionada y también tenía un profundo sentido critico, incluso en la militancia, de la que voy a hablar.”
Intitolazione del bosco a Venezia il 16.10.2008

Bosco di MestreBosco di Mestre
Comune di Venezia

V.le Garibaldi 44/a
30173 Mestre – Venezia


Il Sindaco Massimo Cacciari ha dedicato il "Bosco di Mestre" alla memoria di Franca Jarach e di tutte le ragazze e i ragazzi desaparecidos durante la dittatura militare argentina (1976-1983).

La cerimonia, che ha ottenuto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, é avvenuta alla presenza della madre di Franca, la Signora Vera Jarach, dell'Associazione “Madres de Plaza de Mayo – Linea fundadora”, degli studenti dell’ Istituto tecnico statale per il turismo Andrea Gritti e di altre scuole del territorio veneziano.
L’idea è nata all’interno di un percorso didattico sui diritti umani, promosso dall’associazione rEsistenze e dall'Istituto veneziano epr la storia della resistenza, sostenuto dall'Assessorato pace e cooperazione dalla Provincia di Venezia, al quale hanno partecipato gli studenti di numerose scuole medie superiori veneziane.
Per l’occasione è stata piantata una siepe arborea.
PDF >>>

Argentina/desaparecidos: Bertinotti decora Madre Plaza de Mayo

(Dall'inviato Gianfranco Astori). (ASCA) - Buenos Aires, 5 feb - Vera Vigevani in Jarach e' da ieri sera Commendatore della Repubblica Italiana . E' stata una cerimonia toccante quella che ieri sera, presso l'Ambasciata italiana di Buenos Aires, ha visto il Presidente della Camera dei Deputati, Fausto Bertinotti, consegnare ad una della madri di Plaza de Mayo le insegne di Commendatore della Repubblica italiana, decretate dal Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Vera Vigevani Jarach, nata a Milano nel 1928, dovette lasciare l'Italia nel 1938, emigrando con la famiglia in Argentina a causa delle leggi razziali. Sposata successivamente con Giorgio Jarach, anch'egli fuggito dall'Italia fascista, ebbe una figlia Franca, ''scomparsa'' il 25 giugno 1976, tre mesi dopo il colpo di Stato del gen. Rafael Videla. Da allora, insieme alle altre coraggiose ''madri e nonne di Plaza de Mayo'' ha animato la battaglia per avere verita' e giustizia sugli scomparsi durante la dittatura militare. In Italia e' in corso presso il tribunale di Roma il processo contro l'amm. Massera ed altri cinque ufficiali per il sequestro e la tortura presso la Escuela de Mecanica de la Marina (Esma) e l'omicidio dei cittadini italiani Giovanni e Susanna Pegoraro e Angela Maria Aieta: l'udienza e' prevista nella settimana. Alla causa della memoria, perche' le efferatezze non vengano dimenticate, e' destinato anche un contributo del governo italiano, annunciato dal viceministro Danieli nella recente visita in Argentina, per la creazione nell'edificio dell'Esma, di uno spazio specifico dedicato ai ''desaparecidos'' italiani. Ed alla memoria ha fatto riferimento Vera Vigevani, nel suo discorso di ringraziamento:''Un riconoscimento - ha detto - attraverso la mia persona a tutti gli uomini e le donne che si sono fortemente impegnati lottando per la verita', la giustizia, la memoria dei crimini di lesa umanita' avvenuti durante la dittatura argentina''. Vera Vigevani ha poi consegnato a Bertinotti la lettera di una giovane liceale italiana che, di fronte alle testimonianze ascoltate ha osservato ''mai piu' si puo' essere indifferenti, passivi''. Dal canto suo, il presidente della Camera ha sottolineato il significato di un riconoscimento che si intende rivolto ''a tutte le donne che hanno lottato nelle organizzazioni dei familiari dei desaparecidos'' ed ha ricordato che la motivazione del riconoscimento del Presidente Napolitano e' ad una ''persona testimone e vittima delle principali tragedie del 20* secolo: la persecuzione degli ebrei in Europa ed il dramma dei desaparecidos in Argentina''.

ASCA - Lun 5 Feb 2007


RaiLa intervista di Cecilia Rinaldini in Radio RAI


Le visite di Vera Vigevani
Corriere.it - 16.1.2014
Vera Vigevani Jarach
Dal 20 gennaio la web-serie di Marco Bechis «Il Rumore della Memoria»
LAGER E TORTURE, LE DUE STORIE DI VERA «MILITANTE DELLA MEMORIA»
Ebrea italiana fuggita in Argentina: il nonno ad Auschwitz, la figlia desaparecida

Mi chiamo Vera e ho due storie: mio nonno fu ucciso ad Auschwitz, mia figlia morì su un volo della morte in Argentina. Per entrambi, non c’è tomba». Vera Vigevani Jarach, ebrea italiana che nel 1939 fuggì a Buenos Aires a causa delle leggi razziali, oggi ha 85 anni e dedica la sua vita a testimoniare e a lottare contro il silenzio e l’indifferenza. «Sono una militante della Memoria», dice. Mossa da questo spirito, nonostante l’età e una vista sempre più debole, ha sorvolato l’oceano dall’Argentina all’Italia e ha raccontato le due tragedie che hanno attraversato al sua vita.

«Il rumore della memoria. Vera dalla Shoah ai desparecidos» è il risultato di questo percorso: una web serie di Marco Bechis, scritta dallo stesso regista con Caterina Giargia e i giornalisti del «Corriere della Sera» Antonio Ferrari e Alessia Rastelli, in cui la protagonista ripercorre i luoghi fondamentali della sua memoria personale e di quella collettiva. Incontrando anche numerosi testimoni sia della Shoah che delle detenzioni e torture messe in atto in Argentina durante la dittatura di Videla.

Marco BechisMarco Bechis:«Io desaparecido, di Auschwitz non avevo capito niente» (16/01/2014)

IL PROGETTO CROSSMEDIALE - La web serie sarà online sul Corriere.it dal 20 al 27 gennaio, in occasione della Giornata della Memoria. Successivamente uscirà anche un film-documentario per il cinema. La forma narrativa, innovativa e crossmediale, coinvolgerà inoltre l’intero sistema-Corriere: dal giornale di carta alle piattaforme mobile (tablet e smartphone) ai social network.

I LUOGHI E GLI INCONTRI - Tra i luoghi toccati da Vera nel suo viaggio, il Binario 21 di Milano, da cui partirono i convogli diretti ai campi di sterminio e la Escuela Superior de Mecánica de la Armada (Esma) a Buenos Aires, uno dei centri di detenzione clandestina attivi durante il regime di Videla. Al Binario 21 Vera incontra Lilian Segre, ebrea italiana sopravvissuta ad Auschwitz, partita proprio da quel luogo sotterraneo di Milano sullo stesso convoglio del nonno di Vera, e Marta Álvarez, la testimone che vide la figlia desaparecida nelle ultime ore di vita alla Esma e che rivelò alla madre il destino della ragazza.

2014

Dal 21 al 31 gennaio 2014 Vera Vigevani sarà a Milano per una serie di appuntamenti (familiari e riguardanti la Shoà) che sono stati concordati con suo cugino Marco Vigevani.
Dal 1° al 19 febbraio, infine, Vera (cell: 329 31 66 134) terrà la sua consueta serie di conferenze e incontri in diversi licei, università e librerie in giro per l'Italia.

Gli appuntamenti provvisori di febbraio 2014:

- 1/FEB: Milano, Centro Asteria (rif. Daniele Zuffanti)
- 2/FEB: Torino, referente Anna Bises
- 3/FEB: Viaggio Torino-Firenze, referente Rossella Todros
- 4/FEB: Firenze, Caffé letterario "Le Murate"
- 5/FEB: Firenze, mostra "Identidad Desaparecida" di Silvia Levenson
- 6/FEB: Firenze, concessione del "Giglio di Firenze", Premio per la Pace del Comune di Firenze
- 7/FEB: Viareggio, incontro con gli studenti presso la "Croce Verde" (rif. Hugo Sing Chuhan)
- 8/FEB: Massa, inaugurazione della rotonda "Madres de Plaza de Mayo" (rif. Jorge Romeo)
- 9/FEB: Viaggio Firenze-Ferrara
- 10/FEB: Ferrara, Liceo Classico "Ariosto" e visita al Sindaco di Ferrara (rif. Jorge De Iure)
- 12/FEB: Bologna, Liceo artistico "Arcangeli"
- 13/FEB: Modena, Liceo scientifico "Tassoni" e visita a Villa Emma
- 14/FEB: Bologna, inaugurazione mostra di Marcello Gentili ala Casa della Pace di Casalecchio di Reno
- 15/FEB: Bologna, Istituto "Aldrovandi"
- 16/FEB: Viaggio Bologna-Roma
- 18/FEB: Roma, presentazione "I ragazzi dell'esilio" alla Fondazione Basso (rif. Jorge Ithurburu)
- 19/FEB: Partenza per Buenos Aires

Visita di Vera Vigevani Jarach - Tour 2013
Vera Vigevani Jarach
Dal 14 maggio al 16 giugno 2013 Vera Vigevani Jarach (cell: 329 31 66 134) terrà una serie di conferenze e incontri in diverse città italiane nie quali, tra l'altro verrà presentato il volume "I ragazzi dell'esilio. Argentina 1975-1984" di Vera Vigevani, Beatriz Ruiz e Diana Guelar, edito da 24marzo Onlus.


Gli appuntamenti di maggio/giugno 2013
(calendario provvisorio):

- 14-15: Roma
- 16-17: Venezia
- 18-19: Grottammare
- 20-21: Ancona
- 22: Rieti
- 23-24: Roma
- 25-26: Firenze
- 27-28: Massa/La Spezia
- 29-30: Ferrara
- 31-1: Padova
- 2-5: Milano/Varese
- 6-9: Torino
- 10-11: Bologna
- 11-12: Roma
- 14-15: Lignano Sabbiadoro

2012

Dal 16 novembre al 15 dicembre 2012 Vera Vigevani Jarach (cell: 329 31 66 134) terrà una serie di conferenze e incontri in diversi licei, università e librerie italiane.

Si prega di contattare, per concordare eventuali iniziative o interviste, direttamente l’Ambasciata Argentina:
Ambasciata Argentina in Italia - Sezione Diritti Umani - Piazza dell'Esquilino 2 - 00185 Roma
Tel: 0648073300 - Fax: 0648073331 - E-mail: dirittiumani@ambasciatargentina.it

Calendario:
- 16.11: Roma
- 17/18.11: Milano
- 19/21.11: Varese
- 22.11: Venezia
- 23/27.11: Torino/Casale Monferrato
- 28.11: Lucca
- 29.11: Viareggio
- 30.11: Livorno
- 1.12: Massa
- 2/3.12: Firenze
- 4/6.12: Bologna, Modena
- 7/9.12: Padova
- 8/9.12: Assisi
- 10/15.12: Roma

Visita di Vera dal 4 al 15.12.2011

Dal 4 al 15 dicembre 2011 Vera Vigevani Jarach (cell: 329 31 66 134) terrà una serie di conferenze e incontri a Milano e Roma.

Gli appuntamenti:

- 07.12.2011: Milano consegna a Vera dell'Ambrogino d'Oro
- 13.12.2011: Roma presentazione del libro "Due volte ombra"
- 13.12.2011: Roma consegna di onoreficenze a Gentili e Caporale

Visita di Vera dal 17.10 al 23.11.2011

Dal 17 ottobre al 23 novembre 2011 Vera Vigevani Jarach (cell: 329 31 66 134) terrà una serie di conferenze e incontri in diversi licei, università e librerie italiane.

Gli appuntamenti:

- 18/20.10.2011: Roma con l'Ambasciata Argentina
- 20/27.10.2011: Bologna con AIFO
- 28/03.11.2011: Torino con l'AAIP
- 04/07.11.2011: Milano con LIBERA
- 08/09.11.2011: Bologna con LANDIS
- 09/11.11.2011: Firenze con Ed. Gorée
- 12/14.11.2011: Padova con l'Università di Padova
- 15/18.11.2011: Varese con Zattera Teatro
- 19/20.11.2011: Cuneo con Edizioni Gorée
- 21/23.11.2011: Roma con l'Ambasciata Argentina

2010: Novembre/Dicembre
Vera Vigevani Jarach
Dal 6 novembre al 14 dicembre 2010 Vera Vigevani Jarach (cell: 329 31 66 134) ha tenuto una serie di conferenze e incontri in diversi licei, università e librerie italiane.

Gli appuntamenti:

- 06/08.11.2010: Roma con l'Ambasciata Argentina
- 09/11.11.2010: Torino con AAIP
- 12/15.11.2010: Siena/Firenze con Amnesty International
- 16/17.11.2010: Milano con Kairos Onlus
- 18/19.11.2010: Padova con l'Università di Padova
- 20/21.11.2010: Trieste con MinimunFax
- 22/25.11.2010: Venezia/Treviso/Verona con IVESER
- 26/28.11.2010: Bologna/Budrio con LANDIS
- 29/30.11.2010: Modena con LIBERA
- 03/05.12.2010: Alezio/Gallipoli con LIBERA
- 10/14.12.2010: Roma con l'Ambasciata Argentina
Itinerario >>>

2010: Febbraio/Marzo
Dal 16 febbriao al 15 marzo 2010, Vera Vigevani Jarach (3293166134) terrà una serie di conferenze e incontri in diversi licei, università e librerie italiane.

Gli appuntamenti:
16/19 febbraio: Modena - 21/22 febbraio: Firenze
23/24 febbraio: Bologna - 25/28 febbraio: Torino
1/2 marzo: Milano - 3/7 marzo: Svizzera
8/9 marzo: Padova - 10/11 marzo: Venezia/Ferrara
12/15 marzo: Roma

2009: Novembre/Dicembre
Vera Vigevani Jarach
Dal 6 novembre al 4 dicembre 2009, Vera Vigevani Jarach (3293166134) ha tenuto una serie di conferenze e incontri in diversi licei, università e librerie italiane.

Gli appuntamenti:
6/9 novembre: Ferrara, incontro con studenti del Liceo "Ariosto"
10 novembre: Venezia, visita al "Bosco di Franca" a Mestre
11 novembre: Venezia, Seminario all'Università "Ca' Foscari"
12 novembre: Padova, incontro all'Università di Padova
13 novembre: Verona, convegno all'Università di Verona
18 novembre: Roma, testimonianza al processo MASSERA
20 novembre: Roma, "Donne e politica" Università "La Sapienza"
23 novembre: Torino, incontro al Liceo "Massimo D'Azeglio"
25 novembre: Torino, presentazione del libro di Norma Berti
28 novembre: Firenze, Consiglio Regionale della Toscana
2008: Ottobre/Novembre
Dal 10 ottobre al 20 novembre 2008, Vera Vigevani Jarach (388 4735495), terrà una serie di conferenze e incontri in diversi licei, università e librerie italiane.

Gli appuntamenti:
16 ottobre: Venezia, intitolazione di un bosco in memoria di Franca Jarach e degli altri studenti "desaparecidos"
17 ottobre: Vicenza, incontro pubblico
20 ottobre: Siena, incontro con studenti liceali
23 ottobre: Firenze, convegno della "Fondazione Basso"
25 ottobre: Livorno, dibattito pubblico
27 ottobre: S. Anna di Stazzema, "Museo della Resistenza"
28 ottobre: Viareggio, Croce Verde incontro pubblico
30 ottobre: Asti, incontro con studenti liceali
4 novembre: Torino, Liceo "Massimo D'Azeglio"
6 novembre: Bologna, convegno "LANDIS" sulle leggi razziali
7 novembre: Ferrara, incontro con studenti del Liceo "Ariosto"
8 novembre: Carpi, incontro con studenti liceali
10 novembre: Milano, incontro con studenti del Liceo "Manzoni"
13 novembre: Torino, convegno della "Fondazione Basso"
19 novembre: Roma, Università "La Sapienza"
20 novembre: Viterbo, seminario "Razza=Razzismo"


Provincia di Roma
Mercoledì 19 novembre 2008 - ore 17.30
Provincia di Roma

Palazzo Valentini
Sala della Pace
Via IV Novembre 189/A - Roma


Vera Vigevani Jarach di Madres de Plaza de Mayo,
autrice (con Carla Tallone) del libro “Il silenzio infranto”, Silvio Zamorani Editore

Estela Carlotto, Presidente di Abuelas de Plaza de Mayo,
e
Italo Moretti, giornalista e autore del libro
“I figli di Plaza de Mayo”, Saggi Paperback - Sperling & Kupfer

saranno intervistati da:
Cecilia Rinaldini, Giornalista Radio RAI

Letture: Morgana Marchesi
Musiche e canzoni: Gina Lacorazza e Tobías González


Livorno
Associazione IXNOUS
presenta
"NUNCA MAS"
per non dimenticare il dramma
dei desaparecidos in Argentina


Incontro con:
Vera Vigevani Jarach
"Madres de Plaza de Mayo - Linea Fundadora"

Musiche della tradizione popolare latianoamericana:
Gina La Corazza e Tobias Gonzalez Jimenez

Lettura di brani dal libro: "Il Silenzio infranto"
di Vera Vigevani Jarach e Carla Talllone
a cura di Alessandra Carlesi

Moderatore: Carlos Ansò
Info: Simona Moranino (349 5520 295)

Sabato 25 Ottobre ore 17.30
TEATRO DELLE COMMEDIE
Via Terreni, 7 - Livorno


Provincia di Viterbo
Giovedì 20 novembre 2008 - Ore 10.00
Provincia di Vitebo

Palazzo Gentili - Sala Conferenze
Via Aurelio Saffi, 49 Viterbo (VT)


COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA
Principi Fondamentali - Art. 3:
Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.
È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese.



RAZZA = RAZZISMO
Riflessioni a settant’anni dalle leggi razziali

Daniela Santucci, ricercatrice dell’Istituto Superiore di Sanità
"La biologia delle razze animali"

Marcello Gentili, avvocato penalista
"La legislazione razzista italiana del 1938"

Vera Vigevani Jarach, scrittrice e Madre di Piazza di Maggio
"La via dell'emigrazione degli ebrei in Argentina"

Giulia Spizzichino, della Comunità ebraica di Roma
"La vita nel ghetto di Roma: dalle persecuzioni, alle deportazioni, alle Fosse Ardeatine"

Giorgio Bezzecchi, Presidente Vicario Nazionale dell'Opera Nomadi
"Le persecuzioni dei zingari italiani: dalle schedature ad Auschwitz"

Maurizio Pagani, Presidente della Opera Nomadi di Milano
"Le politiche pubbliche verso le minoranze zingare"


Libera

Per sostenere le spese del viaggio aereo di Vera Vigevani
nel 2008 abbiamo raccolto i fondi sullo stesso conto che
"LIBERA" aveva aperto per il processo ESMA:

Intestazione: LIBERA

Istituto: Banca Popolare Etica

Causale: Viaggio Vera Vigevani Jarach

IBAN: IT64G0501803200000000119182

2007: Ottobre
Dal 9 al 29 ottobre 2007, Vera Vigevani Jarach (388 4735495), ha tenuto una serie di conferenze e incontri in diversi licei, università e librerie.
>>>
Gli appuntamenti:

10 ottobre: Settimo Torinese, incontro con le Scuole Medie Superiori
13 ottobre: Venezia, Teatro dei Frari
16 ottobre: Roma, I.I.S.S. "Alberti"
17 ottobre: Roma, Teatro Bunker
20 ottobre: Pistoia, Palazzo Comunale
24 ottobre: Roma, Liceo scientifico "Newton"
25 ottobre: Roma, Università "La Sapienza"
29 ottobre: Lecce, Università del Salento

2007: Aprile/Maggio
Vera Vigevani Jarach





























Dal 15 aprile ed al 26 maggio 2007, Vera Vigevani Jarach (388 4735495), ha tenuto nella primavera 2007 una serie di conferenze e incontri in diversi licei, università e librerie.

Gli appuntamenti:

25 aprile: Cagliari, Festa della Liberazione dal nazi-fascismo
27 aprile: Carbonia, Liceo classico e scientifico
28 aprile: Carbonia, "Caffé del Portico"
30 aprile: Oristano, Commemorazione 70° anniversario della morte di Antonio Gramsci
.."....".....: Cagliari, Libreria "Mondadori"
1° maggio: S.Giovanni Suergiu, Festa dei lavoratori
02 maggio: Sant'Antioco, Scuole medie

03 maggio: Roma, Presentazione del film "Cronaca di una fuga"
04 maggio: Padova, Facoltà di Scienze Politiche
07 maggio: Venezia, Provincia di Venezia "Ca' Corner"

09 maggio: Milano, "Le donne a difesa dei diritti umani"

10 maggio: Crema, spettacolo teatrale "Por algo será..."

12 maggio: Guspini, ITC "Buonarroti"
13 maggio: Tresnuraghes, Centro sociale "Mastinu-Marras"
14 maggio: Sassari, Liceo classico "Azuni"

16 maggio: Roma, Conferenza stampa "Processo MASSERA"
17 maggio: Pesaro, Biblioteca "S.Giovanni"
18 maggio: Pesaro, Liceo scientifico "Marconi"
.."......"......: Ancona, Anteprima dello spettacolo teatrale in memoria di Norberto Morresi
19 maggio: Pesaro, concerto al Teatro "Rossini" del gruppo "NoviTango"

20 maggio: Tuscania, Libreria Odradek
21 maggio: Tuscania, Liceo Scientifico di Tuscania
22 maggio: Roma, Conferenza stampa "100 x 1.000 di Miguel"
.."......"......: Roma, concerto del maestro Hugo Aisemberg (Salone degli Specchi dell'IILA)
23 maggio: Roma, ITT "Colombo"
25 maggio: Roma, Festa Nazionale Argentina
26 maggio: Roma, Premiazione della "100 x 1.000 di Miguel"



 Versione stampabile


Diritti umani in Argentina
Organismi storici
- Madres
- Abuelas
- Familiares
- M.E.D.H.
- C.E.L.S.
- A.P.D.H.
- Liga
- Serpaj


Processo Mastinu in Argentina

Cerca