24Marzo.it
24marzo Onlus
Chi siamo
Statuto
Attività 2019
Attività 2018
Attività 2017
Attività 2016
Attività 2015
Attività 2014
Attività 2013
Attività 2012
Attività 2011


Processi in corso
Sentenza Appello CONDOR
Appello CONDOR
Sentenza CONDOR
Processo CONDOR
Vittime, avvocati e imputati
Preliminari CONDOR
Processo MALATTO

Processi 1999-2011
Processo PODLECH
Processo MASSERA
Preliminari MASSERA
Comitato MASSERA
Cassazione ESMA
Appello ESMA
Processo ESMA
Processo RIVEROS
Padre TEDESCHI

Con "Abuelas de Plaza de Mayo"
Uffici, telefoni, indirizzi
Promotori ed aderenti
Film "La vida de Estela"

Arte e Memoria
"IDENTIDAD DESAPARECIDA"
"AUSENCIAS"
"DISEGNI SUI GIORNALI"
"AYOTZINAPA"

24marzo Edizioni
"ESTELA", biografia di E.Carlotto
"Note a margine..."
"I ragazzi dell'esilio"
"Una voce argentina..."
"Buscando a Manuel"
"Il silenzio sopra le parole"
Catalogo
E-book
Distribuzione
"Vite senza corpi"


Log In
Username

Password





Attività in corso
Sentenza d'Appello CONDOR

II Corte di Assise e d'Appello di Roma













Dispositivo ITA >>>
Dispositivo ESP >>>

Processo d'Appello CONDOR

In nome del Popolo italiano...
Procedimento penale 40/17 R.G. contro "ARCE GOMEZ Luis ed altri 26"
I CORTE DI ASSISE DI APPELLO DI ROMA
Aula Magna - II piano - Via Romeo Romei, 2 - Roma

Presidente: Dott.ssa Agatella GIUFFRIDA
Giudice a latere: Dott.ssa Caterina BRINDISI

Pubblica Accusa: Dott. Francesco MOLLACE - Dott.ssa Tiziana CUGINI

Cancelliere: Dott.ssa Antonella GRECI

Ultima Udienza: 8 luglio 2019 - Ore 9.30 >>>

Video-conferenza sulla sentenza CONDOR

24marzo Onlus
Lunedì 8.7.2019 - Ore 22.00
Sala conferenze dell'Hotel Lancelot

Via Capo d'Africa, 47 - Roma
Via Skype: lancelothotel


VIDEO-CONFERENZA CON URUGUAY, BOLIVIA e CILE
con i familiari delle vittime e i giornalisti riuniti
nell'Anfiteatro del PIT-CNT a Montevideo,
nella Sala della Defensoria del Pueblo a La Paz
e altri ancora a Santiago del Cile.

A Roma saranno presenti alcune delle parti civili e degli avvocati protagonisti del Processo Condor
per tentare un'analisi collettiva del risultato della sentenza uscita poche ore prima.

Conferenza stampa sulla sentenza CONDOR

Fondazione Basso
Martedì 9.7.2019 - Ore 11.00
Sala conferenze della Fondazione Basso

Via della Dogana Vecchia, 5 - Roma



CONFERENZA STAMPA

Si attende per la serata del’8 luglio p.v. la lettura della sentenza del Procedimento penale 40/17 R.G.
contro "ARCE GOMEZ Luis ed altri 26" della I Corte di Assise di Appello di Roma.
La Fondazione Basso organizza un incontro per riflettere sulla sentenza con i protagonisti del Processo Condor.

Presiede:
Franco Ippolito,
Presidente della Fondazione Basso

Interventi dei familiari delle vittime:
Aurora Meloni,
parte civile per Daniel Banfi, uruguaiano ucciso in Argentina,
Zelmar Michelini,
figlio omonimo del Senatore uruguaiano ucciso in Argentina,
responsabile dell’Associazione ¿Dónde Están? (Francia)
Néstor Gómez Rosano,
fratello di Célica, sequestrata in Argentina e poi uccisa in Uruguay
Nila Heredia,
compagna di Luis Stamponi sequestrato in Bolivia e poi ucciso in Argentina,
oggi Presidente della “Comisión de la Verdad”
Alejandro Montiglio,
figlio di Juan José Montiglio, catturato a La Moneda l’11.9.1973
e poi fucilato in un poligono alla periferia di Santiago del Cile

Interventi degli avvocati di parte civile:
Andrea Speranzoni, Giancarlo Maniga, Arturo Salerni, Alicia Mejia,
e di Francesca Lessa, Università di Oxford (via Skype)

A conclusione dell’incontro saranno firmati due Protocolli di collaborazione:
uno tra Nila Heredia, Presidente della “Comisión de la Verdad” di Bolivia,
e Franco Ippolito, Presidente della Fondazione Lelio e Lisli Basso
e l’altro tra la medesima Comisión e Vincenzo Maria Vita, Presidente della Fondazione A.A.M.O.D.


"La memoria del Condor" un film di Emanuela Tomassetti

Emanuela TomassettiMartedì 9.7.2019 - ore 21.30
Cinema Apollo Undici

via Bixio, 80/A - Roma


A seguire un dibattito con la regista e gli avvocati di parte civile:
Alessia Liistro ed Arturo Salerni
e con Francesca Lessa, Università di Oxford (via Skype)

Modera: Jorge Ithurburu, 24marzo Onlus

Coalizione Italiana per le Libertà e i Diritti civili (CILD)

Coalizione Italiana per le Libertà e i Diritti civili (CILD)
24marzo Onlus
fa parte di
CILD

Processo MALATTO

La legge è uguale per tutti


PROCURA DELLA REPUBBLICA
presso il Tribunale di Roma

Procedimento penale n. 38.497/15 contro MALATTO Carlos Luis
per i reati di cui gli artt. 575, 61 n. 1,2,4,8 e 9 cp.

P.M.: Dott.ssa Tiziana CUGINI



Processo Condor-Brasile

In nome del popolo italiano
Procedimento penale 21192/15 R.G.N.R. – C.As. n. 5/16
contro “DA SILVA REIS, Marco Aurelio ed altri tre”

I Corte di Assise di Roma
Palazzina A - Aula Occorsio - Piazzale Clodio - Roma

Presidente: Dott.ssa Marina FINITI
Giudice a latere: Dott. Sandro DI LORENZO

Pubblico Ministero: Dott. Erminio Carmelo AMELIO

Prossima udienza: 27 novembre 2019- ore 14.30

Post-MEMORIA desaparec(s)ida

24marzo Onlus
AGAPE Centro Ecumenico
Val Germanasca - Piemonte
Borgata Agape, 1 - Prali (TO)
1,2,3,4 novembre 2018

Incontro internazionale
Post-MEMORIA desaparec(s)ida
Cinema, teatro, diritto, poesia, psicologia, radio, politica,
confronto d’idee, vissuti ed esperienze

Rete per l'Identità - Italia

dubbio@reteidentita.it
24marzo Onlus: Iscrizioni

Banca Etica


Per iscriversi a 24marzo Onlus,

o per rinnovare l'iscrizione, è necessario versare la quota associativa

di € 30,00 sul nostro conto corrente bancario:

Banca Popolare Etica
IBAN: IT05N0501803200000011294469
Intestato a: 24marzo Onlus

24marzo Edizioni

logo 24marzo Onlus

Catalogo 24marzo Edizioni >>>


il carro della vita

"IL CARRO DELLA VITA"
di
Jorge Alessandro
Traduzione di Lorenzo Mari
24marzo Edizioni, 2015


“In pochi casi come quello dello studio delle dittature latinoamericane degli anni Settanta il presente ha favorito una riscrittura di una verità ufficiale sopravvissuta alle dittature stesse.
In questo senso anche le fonti meno convenzionali, come la memorialistica, alla quale può essere assimilato Il carro della vita, contribuiscono a permettere una revisione della Storia che conceda a parti rilevanti dell’opinione pubblica di riapprocciare criticamente le verità ufficiali. È il caso di questa storia di militanti peronisti, che prende le mosse nel Sud della sterminata provincia bonaerense.
Alcuni protagonisti scompaiono, vengono fatti sparire, tra essi un’adolescente, Mónica Graciela, altri si salvano e possono oggi ristabilire una verità delle cose nella quale le vittime, anche quelle come una ragazzina colpevole solo di capitare al centro di una guerra contro le classi popolari argentine e la militanza dei suoi genitori, venivano fatte passare come colpevoli, qualcosa doveva aver fatto, o tuttalpiù, vittime casuali di un periodo violento.”

Dalla prefazione di Gennaro Carotenuto.
La biografia di Estela Carlotto

Estela Carlotto
“ESTELA: la morte di una figlia concepì una Abuela”
di Ricardo Petraglia
24marzo Edizioni

Questa biografia è la storia di una metamorfosi personale che rappresenta l’evoluzione di un paese. L’avventura biografica di Estela Barnes de Carlotto, la sua evoluzione da “madre argentina” a simbolo di resistenza e dignità, segna qui il doloroso risveglio di una societàferita profondamente dal terrorismo di Stato.
Con minuziosità e precisione da orafo, Ricardo Petraglia ricostruisce il cammino che portò Estela ad abbandonare la comodità del suo rispettabile posto da direttrice di scuola per affrontare, senza altre armi che il coraggio e la verità, la dittatura che prima sequestrò e torturò suo marito e poi assassinò sua figlia incinta, il cui figlio appena nato fu consegnato ad una vita privata della sua vera storia.
La minaccia celata a malapena dai modi viscidi del gerarca del regime mentre lei chiedeva di Laura, lo squallore del commissariato in cui le consegnarono il corpo crivellato, la bassezza di chi riscosse un riscatto che non servì a nulla, la fine lenta di suo marito, indurito dalla tristezza, la nascita di Abuelas de Plaza de Mayo e la sua evoluzione. Gli anni oscuri e la luminosa attualità, tutto ciò è in questo libro.
Petraglia fa emergere il processo sociale che ha attraversato l’Argentina negli ultimi 35 anni: dalla forzata accettazione della violenza politica alla lenta ricerca di giustizia sui suoi esecutori. Il periodo in cui l’insegnante Estela si trasformò nell’Abuela capace dicoinvolgersi politicamente con fermezza ma senza abbandonare la delicatezza, senza mai smettere di essere una nonna in cerca di suo nipote. Per questo “Estela” può essere letta come storia di apprendistato, piena di odio, di tradimento e paura, ma anche di comprensione, amore e speranza. Un doppio apprendistato: quello della nonna che rinasce come Abuela e quella del paese che dapprima negò la sua lotta e oggi invece la considera come un pilastro fondamentale per il rispetto dei Diritti Umani, indispensabile passaggio per comprendere l’Argentina attuale.
Scritta con il ritmo e la concisione della migliore prosa giornalistica, è una biografia che si inserisce nella tradizione di questo genere, a cui si aggiunge un ricco materiale di consultazione, dalle numerose note, aggiornate nella traduzione per il pubblico
italiano, alla sezione bibliografica: per aiutarci a costruire la storia del presente e a capire chi siamo veramente.

Abuelas de Plaza de Mayo : una battaglia per la libertà “dell’Essere”

L’articolo che intendo presentare non potrebbe esistere senza il lavoro di ricerca svolto dall’associazione Argentina: “Abuelas de Plaza de Mayo” (APM), a cui va il merito di avere intrapreso per prima, successivamente con l’aiuto del CONADI, la difficile e dolorosa ricerca dell’identità perduta di centinaia di bambini scomparsi subito dopo il parto delle madri. Queste donne risultano ancora oggi desaparecidas in seguito la loro detenzione illegale nei “Centros Clandestinos de Detención”, (CCD), funzionanti dal 1976 al 1983 durante il regime militare instaurato dal generale Jorge Rafael Videla, insieme alle alte cariche delle Forze Armate.
Questi neonati sequestrati alle famiglie d’origine sono comunemente chiamati: “los nietos desaparecidos”, ovvero i nipoti scomparsi, appellativo che sottolinea ancora di più l’unico legame familiare esistente con i genitori uccisi nei CCD. Una rivendicazione di parentela, quella delle abuelas, che è in realtà una lotta a favore dei nipoti perché possano riappropriarsi delle proprie origini rubate.
"I ragazzi dell'esilio" - Il libro di Vera Vigevani pubblicato da 24marzo Edizioni

Vera Vigevani JarachNegli anni Settanta, nel tragico periodo dell’ultima dittatura, un’intera generazione di adolescenti dell’ambiente liceale di Buenos Aires, politicamente impegnati, si ritrova perseguitata. Ragazze e ragazzi dai 15 ai 20 anni, sono costretti ad abbandonare il paese, divenuto teatro di sparizioni inquietanti. Attraverso le testimonianze, raccolte decenni più tardi da Diana Guelar, da Vera Vigevani e da Beatriz Ruiz, vengono salvate le vicende dolorose che precedettero le partenze, le storie di militanza, di presa di coscienza, di progetti e di utopie; le lotte, le certezze, i dubbi; le vicende di paura, di fughe e di clandestinità; fino alla drammatica decisione dell’esilio. Il materiale raccolto include le corrispondenze che gli adolescenti esiliati hanno mantenuto con familiari e amici, attraverso vari testi, su un passato che non può passare.

Vera Vigevani Jarach, nata a Milano nel 1928, emigrata in Argentina a causa delle leggi razziali; giornalista a Buenos Aires e redattrice fino al 1993 dell’agenzia italiana A.N.S.A., è stata cofondatrice di “Madres de Plaza de Mayo - Linea fundadora”, di “Fundación Memoria Histórica y Social Argentina” ed è coautrice di diversi saggi. Sua figlia Franca è scomparsa a diciotto anni, il 26 giugno 1976. Vera si definisce “una militante della memoria”, con un impegno costante soprattutto verso i giovani e gli adolescenti.
Diana Guelar, nata a Buenos Aires nel 1957. Laureata in Psicologia presso l’Università di Barcellona, cofondatrice del Centro de Terapia Breve a Barcellona, codirettrice del Centro de Atención y Prevención para Adolescentes “La Casita” a Buenos Aires. Esiliata tra il 1976 e il 1984, a Barcellona. Coautrice di testi sui disturbi alimentari.
Beatriz Ruiz, nata a Buenos Aires nel 1957, laureata all’Università Complutense di Madrid, psicologa e psicoanalista. È coordinatrice di Revista Ensayos y Experiecias, editoriale Novedades Educativas, membro di Asociación Buena Memoria e pittrice. Esiliata tra il 1977 e il 1984 in Spagna, a Madrid.

Susanna Nanni, Dottore di Ricerca in Studi Americani, traduttrice e redattrice di Letterature d’America; docente di Lingua e Letterature Ispanoamericane e di Lingua e Traduzione Spagnola presso l’Università degli Studi “Roma Tre”. La sua ricerca, anche attraverso saggi su autori come J. Cortázar e M. Vargas Llosa, ruota su tematiche concernenti l’esilio, l’Indipendenza e l’identità dei popoli ispanoamericani.


 Versione stampabile


Diritti umani in Argentina
Organismi storici
- Madres
- Abuelas
- Familiares
- M.E.D.H.
- C.E.L.S.
- A.P.D.H.
- Liga
- Serpaj


Processo Mastinu in Argentina

In memoria

Salvatore Privitera

Nato a Grammichele (CT) il 21.10.1947
Lavorava come medico ed era già stato arrestato nel 1972 e nel 1976.
Nel 1979 è stato rimpatriato in Italia dalle Autorità consolari.
E' stato sequestrato nel 1980 durante il tentativo di rientrare in Argentina
per combattere la dittatura.

Maria Rosaria Grillo

Nata a Napoli l’8.8.1951 si è trasferita con la famiglia da bambina a Buenos Aires. Militante della “Juventud Guevarista” come suo marito Venancio Basanta. Entrambi vennero sequestrati il 14.9.1977. Alcuni testimoni assicurano di averla vista nel CCD “Campo de Mayo”. Era incinta di due mesi.

Adriana Boitano

Nata a Buenos Aires il 19.12.1952 ha frequentato sempre le scuole italiane e si è laureata in lingue. Venne sequestrata il 24.4.1977 quando, rientrata dal Brasile, stava cercando, insieme alla madre “Lita”, notizie sulla sorte del fratello Miguel Angel.

Franca Jarach

Nata a Buenos Aires da genitori ebrei italiani sfuggiti alle leggi razziali in Argentina, Franca, allora diciottenne, venne sequestrata i 25.9.1976 e portata all’ESMA. Venne uccisa poco dopo in uno dei voli della morte.