24Marzo.it
24marzo Onlus
Chi siamo
Statuto
Attività 2019
Attività 2018
Attività 2017
Attività 2016
Attività 2015
Attività 2014
Attività 2013
Attività 2012
Attività 2011


Processi in corso
Sentenza Appello CONDOR
Appello CONDOR
Sentenza CONDOR
Processo CONDOR
Vittime, avvocati e imputati
Preliminari CONDOR
Processo MALATTO

Processi 1999-2011
Processo PODLECH
Processo MASSERA
Preliminari MASSERA
Comitato MASSERA
Cassazione ESMA
Appello ESMA
Processo ESMA
Processo RIVEROS
Padre TEDESCHI

Con "Abuelas de Plaza de Mayo"
Uffici, telefoni, indirizzi
Promotori ed aderenti
Film "La vida de Estela"

Arte e Memoria
"IDENTIDAD DESAPARECIDA"
"AUSENCIAS"
"DISEGNI SUI GIORNALI"
"AYOTZINAPA"

24marzo Edizioni
"ESTELA", biografia di E.Carlotto
"Note a margine..."
"I ragazzi dell'esilio"
"Una voce argentina..."
"Buscando a Manuel"
"Il silenzio sopra le parole"
Catalogo
E-book
Distribuzione
"Vite senza corpi"


Log In
Username

Password





"Identidad Desaparecida", Firenze, 2014
Firenze - dal 5 febbraio al 2 marzo 2014

Silvia LevensonStudio Rosai
Via Toscanella 18 nero
50123 - Firenze
E-mail: info@studiorosai.com

Ancora una volta, com’è negli intenti dello Studio Rosai, una mostra che documenta un lavoro in itinere. In questo caso di Silvia Levenson, artista argentina che da anni vive in nel nostro paese e i cui lavori fanno parte di numerose collezioni pubbliche e private e sono esposti in importanti musei di tutto il mondo, vi presenterà infatti in anteprima alcune opere che rappresentano il primo abbozzo in vista della grande mostra personale sul tema dell’identità, fissata nel gennaio 2015 presso l’American University Museum di Washington DC.
In questa Identitad desaparecida fiorentina, pensata su misura per lo spazio, sono esposte sculture, installazioni e fotografie di forte valenza evocativa e impatto emotivo, che proprio giocando sulle caratteristiche dei materiali, suggeriscono il distacco, ma anche l’analisi oggettiva del tema affrontato, quello dell’identità strappata. Vetro, elemento essenziale per contenere e conservare liquidi e alimenti, ma anche per costruire lenti; imprescindibile materia prima, quindi, per l’analisi e la conservazione del “corpo della memoria”. Non mancando di usare, anche qui, quell’amara ironia e giocosa disposizione di un’infanzia anarchica e irridente, costanti dell’opera levensoniana. In tal senso l’allestimento mira ad una sobria spettacolarizzazione di lavori che in sé hanno già la forza del ricordo, ma anche della sua irrecuperabile sostanza: altalene dal titolo “É volata via”, tazzine “Di questo non si parla” ecc.
Mostra fortemente voluta dal direttore del Rosai, per il quale l’importanza di testimonianze quale questa della Levenson, personalmente colpita a livello familiare da questo crimine impunito sta proprio “nel ricordarci con l’estrema durezza che solo certe dolcissime voci femminili possono avere, che desaparecir non è prerogativa solo argentina. E che qui la distanza non è atlantica e la memoria deve farsi sveglia. A volte non occorre far sparire un individuo intero: basta fargli gettare a mare la propria umanità. E forse la capucha (quel cappuccio di telo che veniva fatto indossare ai sequestrati) può essere tessuto con più impalpabile materia”.
La mostra è organizzata in collaborazione con “Rete x l'Identità- Italia”, rete di associazioni che aiuta le “Abuelas de Plaza de Mayo” nella ricerca dei giovani desaparecidos che vivono con una falsa identità.


Fabio Norcini
Comunicato stampa in PDF >>>

Silvia Levenson La Nazione - 1.2.2014

DI SCENA PER LA PRIMA VOLTA A FIRENZE, L’ARTISTA ARGENTINA SILVIA LEVENSON


Mercoledì 5 febbraio al Salone Rosai annunciata la presenza di Vera Vigevani Jarach, una delle co-fondatrici delle madri di Plaza de Mayo. Di scena per la prima volta a Firenze, l’artista argentina Silvia LevensonDi scena per la prima volta a Firenze, l’artista argentina Silvia Levenson

Firenze, 31 gennaio 2013 - Prosegue l’attività espositiva dell’Associazione Studio Rosai con un’altra mostra di livello internazionale: di scena stavolta, per la prima volta a Firenze, l’artista argentina Silvia Levenson.
"Identitad desaparecida", questo il titolo della sua spettacolare esposizione, propone una silloge del variegato lavoro della Levenson, che opera prevalentemente sulle fragili ma spesse superfici del vetro, alle prese con il tema doloroso e tipicamente argentino della desaparecion, collegandolo ad uno dei cardini della sua poetica: l’indagine sui sentimenti e il loro radicamento nell’infanzia.


Silvia Levenson
Studio Rosai - Firenze
Jorge Ithurburu
Inaugurazione con:

- Fabio Norcini,
Studio Rosai

- Vera Vigevani Jarach,
Madres de Plaza de Mayo
Linea Fundadora

- Susanna Agostini,
Commissione per la Pace
Comune di Firenze

- Jorge Ithurburu,
Rete per l'Identità - Italia

e l'Artista
Silvia Levenson


 Versione stampabile


Diritti umani in Argentina
Organismi storici
- Madres
- Abuelas
- Familiares
- M.E.D.H.
- C.E.L.S.
- A.P.D.H.
- Liga
- Serpaj


Processo Mastinu in Argentina

Cerca